visual-top-right-white

Invio della bozza di progetto

Invia bozza di progetto

Prima di redigere una domanda di progetto completa ti consigliamo di inviarci una bozza, che fungerà da base per un primo colloquio con i responsabili della promozione di progetti della SEFRI. In seguito potrai elaborare la domanda in maniera più specifica. I fondi di promozione vengono stanziati in base ai criteri di assegnazione della SEFRI. In generale valgono i seguenti principi:

  • legame con la formazione professionale;
  • accertamento del fabbisogno;
  • coinvolgimento di partner;
  • carattere progettuale.

Tramite digitalinform.swiss vengono sostenuti principalmente i progetti che fanno riferimento ai quattro ambiti d’intervento per la formazione professionale contenuti nel rapporto sulle sfide della digitalizzazione per la formazione e la ricerca in Svizzera.

1. Migliorare le competenze digitali a scuola

Il sistema formativo deve permettere di acquisire le competenze necessarie per affermarsi in una società e in un mondo del lavoro sempre più digitalizzati.

2. Utilizzare le TIC nella didattica e nell’apprendimento

La digitalizzazione sta modificando radicalmente la didattica e l’apprendimento.
I diversi luoghi di formazione devono offrire le condizioni adeguate per sfruttare meglio i vantaggi delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC). Sono previste diverse offerte formative finalizzate a migliorare le competenze digitali e la trasmissione delle conoscenze dei docenti e delle direzioni scolastiche del livello secondario II.

Esempio:

«La digitalizzazione nella formazione professionale e il ruolo delle direzioni scolastiche» (in corso).
Lo scopo del progetto è analizzare le conseguenze della svolta digitale per le direzioni delle scuole professionali e fornire raccomandazioni operative sui processi di sviluppo.

3. Adeguare rapidamente il sistema formativo alle esigenze del mercato

Per garantire la competitività della piazza economica svizzera il sistema formativo deve reagire rapidamente all’evoluzione delle competenze richieste dal mercato.
Il piano d’azione prevede ad esempio il potenziamento delle materie MINT (matematica, informatica, scienze naturali e tecnica) e della formazione continua. Inoltre, occorre adeguare più rapidamente i cicli di formazione e i contenuti della formazione professionale e creare un contingente di specialisti in ciberdifesa a disposizione dell’esercito e dei gestori delle infrastrutture critiche.

Esempi:

«Ordinanza sulla formazione professionale di base Addetto/a di chimica e chimica farmaceutica CFP» (iter concluso).
Nell’ambito del progetto è stata creata una nuova formazione professionale di base a tempo di record in collaborazione con i Cantoni e le due organizzazioni del mondo del lavoro competenti.

«Esame di professione Cyber Security Specialist (CSS)» (in corso). Contributo forfettario per la creazione dell’esame.

Progetti attinenti al programma di promozione «Competenze di base sul posto di lavoro (competenze in materia di utilizzo delle TIC).

4. Garantire il coordinamento e la comunicazione nella cooperazione in materia di formazione

La digitalizzazione comporta dei cambiamenti in tutti i livelli formativi e in tutti i cicli di formazione, sia pure in modi diversi e con diverse specificità. Inoltre, le misure e le strategie adottate in un determinato livello si ripercuotono sugli altri livelli e quindi sull’intero sistema formativo. Pertanto, è importante che ci sia un coordinamento trasversale e sistemico delle misure e delle strategie che permetta di migliorare il coordinamento e la comunicazione nell’ambito della cooperazione in materia di formazione.